Questo sito utilizza i cookies per migliorare servizi e esperienza dei lettori. La prosecuzione della navigazione, comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookies.

Comune di Varese
Fondazione Cariplo

Associazione Culturale "Freezone"

 
Via Gianoli, 10 - 21930 Masciago Primo (VA)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.lasettimanadeldocumentario.org
 
Nata nella primavera del 2009, l’Associazione, presieduta dallo scrittore, saggista e critico cinematografico Maurizio Fantoni Minnella, ha tra i suoi scopi principali quello di promuovere eventi culturali, e in particolare il cinema sia sul territorio locale che in quello nazionale.
Una particolare attenzione è riservata ai continenti extraeuropei e in particolare all’America Latina e al Medio Oriente.

Associazione Musicale Coro da Camera di Varese

 
c/o Civico Liceo Musicale “Riccardo Malipiero” - Via Garibaldi, 4 - 21100 Varese
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.corodacamera.it
 
Il Coro da Camera di Varese, già Coro da Camera del Civico Liceo Musicale cittadino, nasce nell’ambito della vita scolastica e per iniziativa di Gabriele Conti, docente di Esercitazioni Corali nella scuola, come risposta e valorizzazione del desiderio di alcuni studenti musicisti che nella disciplina hanno scoperto la bellezza del canto d'insieme e hanno voluto seguirla fino a dedicarle stabilmente tempo e cuore. Nell’estate 2008 il Coro si costituisce in associazione culturale, assumendo la nuova denominazione di Coro da Camera di Varese.
Sotto la guida del maestro Conti il Coro ha tenuto numerosi concerti e acquisito prestigiosi riconoscimenti in Italia e all'estero, collaborando con molti compositori contemporanei, nonché, insieme al Civico Liceo Musicale di Varese, curando l'organizzazione annuale di masterclass con direttori di coro di fama internazionale.

Grande attenzione è riservata dal Coro allo studio e alla valorizzazione della produzione corale contemporanea. Nel 2008 è stato realizzato il CD “Tribus vocibus”, raccolta di 24 mottetti del varesino G. Mezzalira, pubblicato della casa editrice Carrara di Bergamo. Nel 2010, collaborando con L. Ghielmi e La Divina Armonia, il Coro ha partecipato alla prima registrazione della “Passio secundum Joannem” di F. Feo, pubblicata dalla casa editrice belga Passacaille.
Cresciuti nel Coro da Camera, alcuni suoi membri sono ora coinvolti in progetti di grande importanza per la musica corale, come il Coro Giovanile Italiano ed il World Youth Choir.

I Soppalcanti

 
Viale Valganna, 150 - 21100 Varese
Tel.: 346.7974598
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.soppalcanti.eu
 
L'associazione filodrammatica "I Soppalcanti" nasce dalla volontà di alcuni giovani che spinti dalla passione per il teatro, decidono di mettersi in gioco in prima persona. La prima rappresentazione dal titolo "I testimoni oculari", a carattere prevalentemente religioso, si inserisce nel cartellone delle manifestazioni della Missione Giovani 2006 organizzata dal Decanato di Varese. Sempre in tale contesto l'anno successivo viene portato in scena il musical dal titolo "La locanda di Emmaus", testi a cura di Fabio Baggio. Nel maggio 2008, durante la terza edizione della Missione Giovani, il gruppo, ormai pressoché composto dagli attuali membri, si cimenta nella drammatizzazione di testi poetici liberamente tratti dalla raccolta "Tra Cielo e Terra". Nel luglio dello stesso anno quando hanno debuttato con la replica de "La locanda" a Luino al Parco Ferrini.

Nel 2009 I Soppalcanti si costituiscono ufficialmente associazione filodrammatica e si affiliano alla FITA. Il gruppo debutta con un bouquet di frammenti di opere note di Garcia Lorca, Shakespeare, Sartre, O'Neill, Genet, Beckett, Arteaud, Ionesco.
Successivamente ottiene grande successo e riconoscimenti con "Trappola per Topi" di Agatha Christie, che verrà rappresentato nel 2011 al Festival del Teatro Amatoriale del Teatro Nuovo di Piazza San Babila a Milano. Del 2010 un altro successo con "Il fantasma di Canterville", di Oscar Wilde.
Nel marzo 2011 la compagnia, in occasione della Giornata Modiale del Teatro 2011 porta in Sala Montanari a Varese un nuovo spettacolo: "Il puro e l'impuro".

Centro Studi Preistorici Archeologici - CSPA

 
c/o Musei Civici P.zza Motta, 4 - 21100 Varese
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.cspa-va.it
 
Fondato da Mario Bertolone nel 1953 e costituitosi in Associazione nel 1982, il CSPA ha sede a Varese, in Piazza della Motta 4, presso il Museo Civico Archeologico di Villa Mirabello.
Il CSPA, sia nell'ambito della propria missione (studio, ricerca, valorizzazione, divulgazione e didattica) sia perseguendo lo scopo di collaborare nella valorizzazione del Museo Civico Archeologico di Villa Mirabello e del Museo Civico Preistorico Isolino Virginia, ha promosso e intende ulteriormente promuovere interventi rivolti alle scolaresche e al pubblico in genere; organizza convegni ed eventi culturali di rilievo. Pubblica la rivista SIBRIUM, una delle più prestigiose riviste specialistiche italiane, e possiede una biblioteca specialistica nel settore archeologico, in comodato al Comune di Varese, per un totale di 9.950 fra fascicoli relativi a testate di riviste e periodici e volumi monografici.

Società Storica Varesina

 
Via Sanvito Silvestro, 4 - 21100 Varese
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.societastoricavaresina.org
 
La Società Storica Varesina è stata fondata nel 1931, da un gruppo di studiosi locali che intesero continuare l’attività della Società del Museo patrio che operava in Varese fin dal 1871 a cura di Luigi Borri. Primo presidente fu Giulio Moroni. Il sodalizio diede vita ad un periodico di studi intitolato “Archivio della Società Storica Varesina”, di cui furono pubblicati due volumi tra il 1931 e il 1933. Con la riforma imposta a queste associazioni dalle leggi del 1935, la Società dovette sospendere le sue attività e confluire, con le associazioni consorelle di Gallarate e Busto Arsizio, nella Regia deputazione di Storia Patria per la Lombardia. In questo periodo l’attività scientifica continuò nella rivista “Rassegna Storica del Seprio” che fu pubblicata a partire dal 1938. La Società Storica Varesina riprese l’attività nel 1945 con la presidenza di Cornelio Maj. Nel 1947 si diede un nuovo statuto e in quegli anni l’attività venne sostenuta, tra gli altri, da Mario Bertolone e da Leopoldo Giampaolo che continuarono la pubblicazione della “Rassegna” fino al 1950.

Nel 1953, mentre Mario Bertolone dava vita al nuovo centro di Studi preistorici ed archeologici di Varese, Leopoldo Giampaolo assunse la presidenza della Società Storica Varesina, che raccoglieva un qualificato numero di soci, e iniziò una nuova fase con la pubblicazione della “Rivista della Società Storica Varesina”, il cui primo numero apparve nel luglio dello stesso anno.
Da allora Leopoldo Giampaolo tenne la presidenza fino alla data della sua morte, nel 1983, pubblicando 16 fascicoli della Rivista ed una serie di volumi monografici come supplementi della rivista, rivolti a diversi argomenti di storia locale. Furono pubblicati, tra l’altro,  importanti lavori sulla storia di Varese, dall’epoca napoleonica a tutto il Risorgimento, e venne data l’edizione di cronache e memorie ancora inedite di storia cittadina.

Nel 1983, dopo la morte del professor Giampaolo, la Società è stata rifondata, con un nuovo statuto e con la nuova denominazione di “Società Storica Varesina Leopoldo Giampaolo”.
La Società prosegue con lo scopo di promuovere e raccogliere gli studi di storia di Varese e del suo territorio, di pubblicare la Rivista periodica e altri significativi lavori di interesse storico locale.
Collabora con gli enti locali interessati, con le scuole e le associazioni che perseguono gli stessi fini.

Resta sempre aggiornato sugli eventi culturali a Varese