Questo sito utilizza i cookies per migliorare servizi e esperienza dei lettori. La prosecuzione della navigazione, comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookies.

Comune di Varese
Fondazione Cariplo

 

All’interno di un bellissimo parco pubblico, il Parco Mantegazza, un fortilizio medioevale, ampliato nel Quattrocento e poi nel Settecento, custodisce gli avvincenti cicli pittorici quattrocenteschi della Sala degli Svaghi, che celebra i passatempi di corte, e dell’allegorica Sala dei Vizi e delle Virtù. Il museo ospita la collezione civica di pittura, scultura e grafica, costituita attraverso importanti lasciti, che spazia dal XVI al XX secolo. Qui potete trovare grandi autori quali Morazzone, Cremona, Ranzoni, Pellizza, Enrico Baj. L’allestimento, concepito in ordine cronologico, permette attraverso un approfondito apparato didascalico, di stabilire rimandi tra le opere stesse e nostro il territorio. L’ala sei-settecentesca è invece destinata a spazio espositivo dove si svolgono mostre temporanee e laboratori didattici.

Video



 


Audioguide (download in formato mp3 - Italiano):

1. Il Castello di Masnago e i musei | 2. Il Seicento | 3. Il Settecento a Varese | 4. L’Ottocento nella collezione dei Musei Civici di Varese | 5. Francesco Hayez, Tamar di Giuda | 6. La sala degli svaghi | 7. Carlo Bossoli | 8. La donazione di Luigi Villa | 9. La donazione Bolchini - De Grandi | 10. La prima metà del Novecento a Varese | 11. La prima metà del Novecento a Varese, Butti Salvini e Guttuso | 12. La Sala delle Colonne | 13. La sala dei Vizi e delle Virtù |14. Sala della Musica | 15. La sala della Crocifissione | 16. L’arte contemporanea


Audioguides ( mp3 download - English):

1. Il Castello di Masnago e i musei | 2. Il Seicento | 3. Il Settecento a Varese | 4. L’Ottocento nella collezione dei Musei Civici di Varese | 5. Francesco Hayez, Tamar di Giuda | 6. La sala degli svaghi | 7. Carlo Bossoli | 8. La donazione di Luigi Villa | 9. La donazione Bolchini - De Grandi | 10. La prima metà del Novecento a Varese | 11. La prima metà del Novecento a Varese, Butti Salvini e Guttuso | 12. La Sala delle Colonne | 13. La sala dei Vizi e delle Virtù | 14. Sala della Musica | 15. La sala della Crocifissione | 16. L’arte contemporanea


GLI AFFRESCHI: LA SALA DEGLI SVAGHI E LA SALA DEI VIZI E DELLE VIRTÙ

LA SALA DEGLI SVAGHI
L’ampio salone di rappresentanza della villa antica, noto come Sala degli Svaghi presenta, dipinte ad affresco, le immagini dei più comuni passatempi che intrattenevano i nobili in una residenza di campagna. Distinguiamo tra gli altri la partenza per la caccia con il falcone, la gita in barca di una dama e delle sue ancelle, la colazione sull’erba di un gruppo di gentiluomini e, in speciale evidenza, una dama intenta a suonare l’organo portativo sotto una tenda riccamente ornata; la scena di fronte rappresenta la partita ai tarocchi di un altro gruppo di dame su una piccola imbarcazione. Tra un episodio e l’altro sono inseriti personaggi secondari che documentano il gusto dell’epoca per la raffigurazione di elementi naturalistici, accuratamente tradotti ad affresco dal mondo vegetale e animale. Tra i brani di maggiore efficacia si riconoscono le anatre in uno stagno, lepri, feroci cani da caccia e fedeli cani da compagnia.

Questi affreschi si collocano nella tradizione del Gotico Internazionale, stile diffuso, tra la fine del XIV e la metà del XV secolo nelle corti di tutta Europa ed anche in Italia, in particolare, ma non solo, nelle zone prossime ai valichi alpini.

LA SALA DEI VIZI E DELLE VIRTÙ
Gli affreschi che decorano questa sala si devono alla mano di un artista vissuto intorno alla prima metà del Quattrocento. L’apparato decorativo presenta una singolare iconografia di ispirazione filosofica e morale: l’argomento è il confronto tra i Vizi e le Virtù, tema allegorico e didascalico attinto dalla classicità.
Tra colonnine di gusto tardo gotico, l’artista colloca sette scene, ove sono raffigurate tre figure femminili ciascuna: si tratta di una virtù, che appare al centro incoronata, con ai lati due vizi: essi sono equidistanti dalle virtù e mostrano comportamenti scorretti in eccesso o in difetto rispetto all’aurea mediocritas, l’ottimale moderazione, che dovrebbe caratterizzare la vita dell’uomo saggio. Tale tema documenta come anche a Varese fosse recepito l’umanesimo, per gli argomenti perfettamente in linea con quanto aveva fatto il cardinale Branda Castiglioni pochi anni prima a Castiglione Olona, dove in significativo anticipo sull’intera Lombardia erano maturate esperienze culturali di stampo schiettamente rinascimentale.

Il pittore degli Svaghi e dei Vizi e delle Virtù seguiva la moda del revival gotico in voga anche nella Milano di quei decenni. Lo stile tiene in poco conto la costruzione complessiva dell’immagine, priva di prospettiva, ma l’artista restituisce dettagli splendidi come il prato fiorito e la sfilata elegante dei personaggi aristocratici, vestiti secondo la moda dell’epoca.

 

LA COLLEZIONE
La raccolta d'arte esposta al Castello comprende opere di pittura, scultura e grafica che spaziano dal XVI al XX secolo, realizzate perlopiù da artisti di area lombarda.
Compaiono opere come l’Orazione nell’Orto tratto dal dipinto di Francesco Cairo della Pinacoteca di Brera, dipinti di Camillo Procaccini, Carlo Francesco Nuvolone, Giulio Cesare Procaccini, Francesco Cairo e Pietro Antonio Magatti, una serie di dipinti ottocenteschi di autori come Tranquillo Cremona, Francesco Hayez, Giuseppe Molteni e Giovanni Migliara, sculture ottocentesche, tra cui il Ritratto di Girolamo Ghirlanda di Vincenzo Vela.

Il Novecento è introdotto da dipinti divisionisti di Giacomo Balla, Emilio Longoni e Giuseppe Pellizza da Volpedo. Per l'arte contemporanea sono presenti opere di Emilio Tadini, Dadamaino, Bruno Munari, Renato Guttuso ed Enrico Baj.
Particolarmente significativa è la selezione degli artisti varesini: da Giuseppe Montanari, a Federico Gariboldi, a Domenico De Bernardi o Innocente Salvini, da Vittorio Tavernari a Floriano Bodini.

banner (http://www.museidivarese.it)


Museo Civico d'Arte Moderna e Contemporanea del Castello di Masnago
Via Cola di Rienzo 42 (Parcheggio in via Monguelfo)
21100 Varese
T +39 0332820409
www.museidivarese.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ORARI:
martedì-domenica: 9.30-12.30 e 14-18

CHIUSURA:
lunedì (escluso lunedì dell'Angelo), 1 gennaio, 6 gennaio, S. Pasqua, 1 maggio, 1 novembre, 25 dicembre, 24 e 31 dicembre al pomeriggio

PREZZI:
Intero: € 4,00
Ridotto: € 2,00 fino ai 25 anni, gruppi (almeno 10 persone), militari, convenzioni, Family Card, VareseCorsi
Scuole: € 1
Gratuito: disabili, bambini fino ai 6 anni, insegnanti accompagnatori di scolaresche
Cumulativo per tutti i Musei Civici: € 5,00 (valido tutto l'anno)
 Abbonamento Musei Lombardia Milano

Mappa

Facebook https://www.facebook.com/castellodimasnago

Twitter https://twitter.com/CastelloMasnago

Tripadvisor


DIDATTICA

Per i Musei Civici di Varese le proposte didattiche sono una realtà fondamentale. L’amministrazione infatti da alcuni anni ha deciso di destinare a laboratorio spazi importanti del Castello di Masnago e di realizzare iniziative volte a divulgare alle scuole e agli adulti il patrimonio storico e artistico delle nostre terre. Nel contesto di un rilancio complessivo delle sedi museali il personale comunale è affiancato dai professionisti esterni di Sull’arte, con l’obiettivo di rendere ancora migliore un servizio di punta dell’assessorato alla cultura.
 

BAMBINI E RAGAZZI

Le proposte didattiche spaziano dalle visite guidate interattive ai laboratori didattici e riguardano tutti gli ordini di scuola, con un occhio di riguardo per le scuole superiori, nella speranza di educare cittadini sempre più consapevoli del patrimonio culturale della nostra città.
Le proposte strutturate Sull’Arte sono finalizzate all’incontro tra gli studenti e il patrimonio storico-artistico, affinché venga meglio compreso e apprezzato. Gli obiettivi didattici sono stabiliti in base all’età e/o al grado scolastico dei destinatari; particolare attenzione è rivolta alla diversificazione espressiva e contenutistica delle attività.

Le proposte possono essere distinte nelle seguenti tipologie:

Visita interattiva, durata 1 ora o 2 ore
Visita guidata con l’ausilio di supporti come schede di approfondimento, materiale specifico di natura ludico-didattica oppure percorso con personaggio in costume.

PROPOSTE DIDATTICHE PER ASILI-NIDO E LUDOTECHE
PROPOSTE DIDATTICHE PER SCUOLA INFANZIA E PRIMARIA
PROPOSTE PER SCUOLA SECONDARIA
LO SPETTACOLO DEL RISORGIMENTO Visite guidate per le scuole

FESTE DI COMPLEANNO AL CASTELLO
FESTE DI COMPLEANNO IN INGLESE

Per info e prenotazioni: Ufficio didattica 0332.255473 | www.museidivarese.it | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

EVENTI

IN CORSO:

 

Resta sempre aggiornato sugli eventi culturali a Varese